#InRavenna Stories – Alice Bio Cosmesi

#InRAvenna Stories pubblica oggi l’intervista ad Alice di Alice Bio Cosmesi, che ci spiega molte cose interessanti sul mondo della cosmesi naturale, biologica e cruelty-free.

“Il 3 dicembre il mio negozio compirà due anni, quindi possiamo dire che è una giovane attività, attività nata per una mia passione personale anche perché il mio percorso di studi è completamente distante da questo.
Il desiderio di avere qualcosa di mio, di creare qualcosa che mi rappresentasse ha determinato la strada che dovevo prendere, e nell’estate del 2016 è partito tutto, iter e autorizzazioni comprese.
Non è un negozio in franchising è mio e basta.
Ho scelto questi prodotti perché li ho sempre utilizzati di persona, sono aziende che conosco, e quasi tutte in Italia.
Credo fermamente nell’idea di una cosmesi pulita, in prodotti che facciano bene a noi ma anche all’ambiente perché non utilizzare sostanze inquinanti vuol dire salvaguardare l’ambiente, salvaguardare l’ambiente significa salvaguardare tutti noi. Prodotti che non siano stati testati su animali, perché non c’è bisogno di usare un animale per provare uno shampoo, prodotti che non utilizzano materie prime di origine animale perché dalle piante si può ottenere qualsiasi principio attivo. Tante aziende le conoscevo anche prima di aprire, ma adesso ho scoperto un vero e proprio mondo fatto anche di aziende piccole che creano delle specialità e dei prodotti davvero performanti, formidabili.
Poi mi sono anche appassionata alla ricerca di altre aziende e altre novità da poter offrire ai miei clienti per non cadere nella routine e nell’abitudine.
Io ho tutto, dai dentifrici ai colluttori alle creme, allo shampoo, al make-up, accessori per struccarsi come ad esempio spugnette di mare.
Il mio lavoro non è soltanto quello di vendere un prodotto, ma di vendere quel tipo di prodotto adatto al tuo particolare tipo di pelle o di capello quindi valuto insieme al cliente in base alle esigenze, allo stile di vita.
Ci sono dei prodotti oggi che sono “antipollution” quindi ottimi per chi vive in città a contatto con smog e fumi.
A volte mi capita di sentire che i prodotti bio non funzionano, ma in realtà questa è una grande bugia. Di solito si è portati ad acquistare e ad affidarci a un grande marchio, reperibile anche nellagrande distribuzione e che vende cosmetici a costi elevati. Nella maggior parte dei casi però quello che realmente stiamo pagando è la notorietà del marchio, la pubblicità che c’è dietro, il testimonial d’eccezione pagato per fare quella campagna e del prodotto rimane solo che è un cosmetico tradizionale.
Nel prodotto bio invece il range di costo che esiste tra i prodotti, che sono comunque buoni e con gli stessi principi attivi, è dovuto alla materia prima, al grado di ricercatezza e alla particolarità delle materie prime. Ci sono aziende che utilizzano solo piante che nascono spontaneamente, quindi soggette veramente alla variabilità del tempo e alle condizioni della terra e ci vuole lavoro e tante piante per produrre quei particolari prodotti.
Adesso per fortuna la gente è più consapevole e vedo che tanti clienti sono attenti a quello che comprano. Molte clienti si sono rivolte a me per la prima volta per cercare una matita che non desse irritazione agli occhi o una crema che non desse prurito o reazioni allergiche e poi si sono fidate completamente dei prodotti bio e non hanno nessuna intenzione di tornare indietro.

Il bio è bello per questo, una volta che entri e ti accorgi che la tua pelle, i tuoi capelli e il tuo corpo stanno meglio, non vuoi più cambiare e questo ti permette di dare anche un contributo positivo all’ambiente nel quale vivi tutti i giorni.”

 

 

IMG_0765 IMG_0769 alice IMG_0767